Il mondo dei social media è in costante cambiamento, portando ogni anno nuove tendenze, idee e regole (non scritte) ogni anno.

Nella maggior parte dei casi i cambiamenti non sono improvvisi o inaspettati, ma piuttosto graduali e relativamente prevedibili.

Ad esempio, chi avrebbe mai previsto la chiusura di Google + nel 2019? 

Alcune tendenze dei social del prossimo anno sono già qui e stanno crescendo lentamente, ma non hanno ancora raggiunto l’apice.
Ecco le cinque principali che non puoi trascurare.

Monitoring

Il “monitoring” (o social listening) è l’atto di scansione delle piattaforme web e social media per trovare tutte le menzioni di un marchio o di qualsiasi altra parola chiave.
Ciò include menzioni di marchio senza tag sui social media, menzioni di parole chiave del settore che segnalano l’interesse ad acquistare un prodotto, menzioni su blog, forum e siti di notizie.

Gli attuali obiettivi primari del monitoring sono il servizio al cliente e la gestione della reputazione, anche se, naturalmente, ce ne sono molti altri.

 

social-media-listening

 

La vera tendenza del 2019 sarà l’utilizzo dei social media per il monitoraggio di lead generation e social selling.
Finora solo un piccolo numero di brand lo ha fatto, eppure quel numero sta gradualmente aumentando man mano che i marchi stanno capendo che possono raggiungere quegli utenti che usano i social media per cercare online proprio i loro prodotti e servizi offerti.

Alcuni strumenti introducono persino funzionalità create appositamente per la generazione di lead nella loro casella degli strumenti.

Dato che le persone che condividono le loro frustrazioni, idee, commenti e recensioni online aumenterà sempre di più, l’uso del monitoring continuerà a crescere e si espanderà per includere nuove possibilità.

Contenuti video

Ogni anno i contenuti video continuano a crescere e nel 2019 questi dovrebbero nuovamente dominare il mercato. Infatti, secondo alcuni esperti, l’ 80% di ciò che fruiamo online sarà presto contenuto video.

Questo è particolarmente vero per i video live. Da sempre popolare su YouTube, la tendenza ora ha preso il sopravvento anche su Facebook e Instagram, al punto che riceviamo una notifica quando qualcuno dei nostri “amici” sta andando in diretta.

La natura stessa dei video live sembra renderli particolarmente attraenti e significativi per gli utenti dei social media. I video in diretta aumentano l’attendibilità e la rilevanza percepite di un marchio, ed è una tendenza che non possiamo ignorare.

Va da sé che un brand dovrebbe offrire contenuti accattivanti ed entusiasmanti, proprio come faresti su un blog.

La ragione principale per cui i video sono diventati sempre più popolari è che è sempre più facile filmare, grazie agli smartphone, anche con un livello piuttosto buono.

Micro-influencer

Negli ultimi due anni, gli influencer dei social media sono diventati una tendenza importante.
Ora abbiamo stelle di Instagram, influencer di Twitter, milionari di YouTube. Queste persone hanno milioni di follower: ogni loro post, o vlog o tweet viene immediatamente visto da più persone di quanto i produttori di annunci TV possano mai sperare. È clamoroso quanto il potere degli influencer sui social media sia diventato così grande.

Tuttavia, dal momento che il numero di influencer è cresciuto nel tempo, anche i costi per i loro servizi sono saliti alle stelle. Ciò ha portato sempre più aziende a guardare ad altre alternative, incluso i micro-influencer.

Al contrario dei nomi più grossi, i micro-influencer esistono in ogni nicchia di marketing. Hanno un seguito di meno di 10.000 persone, ma la maggior parte dei loro seguaci sono realmente interessati a ciò che hanno da dire. E sono spesso considerati degli esperti nella loro nicchia.

Questi nomi più piccoli non sono targettizzati in modo massivo dagli inserzionisti, quindi sono più affidabili e con i piedi per terra. Il potenziale di marketing è molto alto e i brand stanno per riconoscerlo nel 2019.

 

microinfluencer-marketing

Personalizzazione

Data la grande quantità di informazioni caricate ogni giorno dalle persone, è diventato molto facile ottenere informazioni su chi siede al di là del monitor o del telefonino. Questo ha spalancato la porta ad una maggiore personalizzazione dei contenuti e, a sua volta, ha aumentato le aspettative dei consumatori per lo stesso. 

Contenuti, prodotti, e-mail, tutto ora può basarsi sulla cronologia degli acquisti del consumatore, sui link cliccati, sui post sui social media e su altri comportamenti.
Booking.com, ad esempio, ti informa sulle offerte nelle località in cui sei stato, Netflix offre spettacoli da guardare in base ai tuoi gusti, Amazon e eBay mostrano prodotti simili a quelli che hai acquistato prima.
E questo prima ancora di prendere in considerazione Google e Facebook. Ci conoscono dentro e fuori e usano queste informazioni per rendere la nostra esperienza personalizzata. 

Mentre il marketing personalizzato può essere spiazzante (soprattutto se si considerano tutte le informazioni che le aziende hanno su di te), è anche veramente conveniente per l’utente.

Il 96% dei marketer ritiene che la personalizzazione rafforzi la relazione con il cliente. I clienti apprezzano che il prodotto suggerito sia proprio quello che stavano cercando, così come la notifica della vendita nel loro negozio preferito.

La personalizzazione è chiaramente la strada da percorrere per i marketer per migliorare le prestazioni delle nostre campagne.

Tempestività

Il futuro quasi immediato del marketing è la comunicazione in tempo reale. Le tendenze dei social media nel marketing sono l’assistenza clienti 24 ore su 24, 7 giorni su7, la vendita sui social in tempo reale, i chatbot e il monitoraggio costante di una potenziale crisi dei social media.

Questo perché i social media non dormono mai: i clienti continuano a utilizzare i tuoi prodotti, ne parlano online e acquistano nuovi articoli in qualsiasi momento.
Ora abbiamo gli strumenti per cercare le menzioni di un marchio in tempo reale, gli strumenti che programmano i contenuti da pubblicare in qualsiasi momento e i chatbot che offrono un aiuto immediato.

Nel 2019 i consumatori si aspetteranno una risposta immediata al loro reclamo su Twitter e non saranno sorpresi quando commenterete immediatamente “Qualcuno conosce una buona alternativa a Canva?” con un’offerta del vostro prodotto. È il mondo in cui viviamo, nessuno ormai ha il tempo di aspettare. Le persone vogliono che i loro problemi siano risolti e che i loro bisogni siano soddisfatti subito, ora.

Il nostro consiglio è quello di tenere sempre gli occhi aperti e verificare che la tua azienda sia pronta per gestire non solo queste cinque ma tutte le tendenze che ogni giorno emergono dal mondo dei social e del web marketing. Il mercato cambia sempre più velocemente, prima ancora delle mode. Ecco perché quando inizi un’attività di business online, per prima cosa pensa ed agisci come farebbe un tuo cliente.

Pensa a cosa fai tu quando rivesti il ruolo di cliente e cosa ti aspetti quando fai un acquisto. E se la tua azienda non rispetta una o più delle cose che ti aspetteresti, forse è il caso di correre ai ripari.

Il 2019 sta per cominciare. Sei pronto? 

Print Friendly, PDF & Email